02 70103290
info@greenservice.it
basil-3493589_1280

ORTO IN TERRAZZO, ORTO URBANO

Quattro fattori chiave per un orto di successo

22 Ott , 2018  

Coltivare i propri ortaggi in autonomia non è poi così difficile. Non occorrono conoscenze scientifiche all’avanguardia o fattori di produzione molto avanzati, soprattutto se lo scopo è produrre per la propria famiglia e non per il mercato. Ne abbiamo parlato diffusamente alla recente Green Week di Milano, durante la quale il team di agronomi di Ecospheris ha fornito indicazioni utili agli aspiranti orticoltori urbani. Nel corso di seminari e laboratori pratici sono stati esaminati nel dettaglio i quattro fattori chiave per un orto di sicuro successo. Fattori che sono poi la base imprescindibile per la vita di qualsiasi essere vegetale: luce, acqua, terra e aria.

Il fattore luce 
É il più evidente: per poter produrre energia, le piante hanno bisogno di intercettare la radiazione luminosa del sole. Ci sono ortaggi, come il pomodoro, che ne richiedono molta, altri che si accontentano di una luminosità ridotta, come le lattughe. La necessità di luce, inoltre, può variare a seconda dello stadio fenologico (crescita, produzione frutti, ecc.) e per questo bisogna prendere opportuni accorgimenti.

SCOPRI I PRODOTTI PER LA COLTIVAZIONE IN TERRAZZO

Il fattore acqua
É un altro fattore produttivo la cui importanza è nota ai più. L’errore più comune è probabilmente eccedere nell’irrigazione: non appena si vedono foglie gialle, piegate all’ingiù, la tentazione di aprire il rubinetto è forte. Ma attenzione, perché i sintomi da eccesso idrico sono del tutto analoghi a quelli da carenza. Il motivo è presto detto: un continuo ristagno idrico porta alla degradazione delle radici che, non essendo più in grado di svolgere il proprio lavoro, non possono portare acqua nei vari organi della pianta la quale pur essendo immersa nell’acqua… muore di sete!

Il fattore terreno
Per quanto riguarda il substrato (terreno), molti di noi sanno che le esigenze delle diverse specie vegetali sono differenziate. Meno facile invece scegliere quali substrati utilizzare per la coltivazione in contenitore e, soprattutto, capire le caratteristiche del terreno di cui disponiamo in giardino. In entrambi i casi è importante rivolgersi a un buon consulente per evitare di vanificare gli sforzi delle cure colturali.

SCOPRI I PRODOTTI PER LA COLTIVAZIONE IN TERRAZZO

Il fattore aria
La sua importanza è poco nota. A molti, infatti, potrebbe sfuggire il fatto che le piante respirano e che, quindi, richiedono ossigeno per le proprie reazioni biochimiche, anche e soprattutto a livello radicale. L’ossigeno non può che derivare dall’atmosfera: è fondamentale permettere un buon ricambio dell’aria tellurica lavorando il terreno in modo corretto, evitando la formazione di croste superficiali e regolando l’irrigazione per evitare anossie radicali.

Print Friendly

Luca Masotto By


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *