02 70103290
info@greenservice.it
basil-2890741_1280

ORTO IN TERRAZZO, ORTO URBANO

Rimedi naturali per l’orto in terrazzo o in balcone

22 Nov , 2017  

Ci sono piante che, coltivate nei pressi degli ortaggi, possono proteggerli da svariati fitofagi. È il caso, per esempio, dei tageti che sono in grado di allontanare i nematodi, piccoli “vermetti” che attaccano l’apparato radicale di molte piante.

Non tutti, soprattutto sul terrazzo, hanno però lo spazio sufficiente per ricorrere a consociazioni di piante ossia coltivazioni appaiate di specie diverse che permettono di ottenere vantaggi fitosanitari (e produttivi). Ecco quindi che può essere molto utile introdurre nel nostro orto decotti, infusi e macerati.

L’uso dei macerati di pomodoro, ortica ed equiseto nell’orto sul terrazzo o sul balcone

Questi ultimi, probabilmente, fanno la parte del leone tra i preparati fai-da-te per la cura dell’orto. Affinché siano efficaci, però, è bene imparare a produrli in modo corretto in modo da essere pronti a utilizzarli non appena la stagione orticola entrerà nel vivo.

Iniziamo dal pomodoro, piante dalla quale, nel corso della coltivazione, si ottengono numerosi scarti di produzione a causa delle potature alla quale deve essere sottoposto (sfemminellatura). Foglie e rametti, pestati in un mortaio o tritati finemente, possono essere lasciati macerare per cinque o sei ore in ragione di un paio di manciate ogni due litri di acqua. Distribuire questo estratto alla base delle piante tramite una semplice irrigazione terrà lontane afidi e cavolaie.

Per il macerato di ortica sono invece necessari 100 grammi di foglie fresche ogni litro di acqua (da utilizzare fredda). Dopo circa una settimana, il macerato si presenterà scuro e caratterizzato da una schiuma, soprattutto se, come sarebbe opportuno, ci ricordiamo di rimescolarlo tutti i giorni. Una volta pronto, possiamo diluire il preparato con acqua in un rapporto di 1 litro di prodotto per 10 di acqua e procedere a nebulizzare le piante per contrastare afidi, acari e alcuni insetti. C’è chi utilizza il macerato di ortica anche come “ricostituente” per zucchine e pomodori.

Il re dei macerati – o per lo meno il più utilizzato – è di gran lunga quello di equiseto. Anche in questo caso si utilizzano 100 grammi di pianta fresca per ogni litro di acqua: terminata la fase di macerazione, si potrà diluire il prodotto con cinque parti di acqua e utilizzarlo come coadiuvante nella lotta a peronospora, ruggini, oidio e botrite. È bene ricordarsi che per la preparazione del macerato occorre utilizzare solo la parte aerea (non le radici).

Anche l’aglio – 100 grammi lasciati riposare almeno un giorno in 10 litri di acqua sono sufficienti – è ottimo per contrastare acari e nematodi.

In ogni caso dobbiamo ricordarci che si tratta di rimedi utili solo se utilizzati all’inizio delle infestazioni e se inseriti in un piano di coltivazione ottimale dal punto di vista agronomico.

Per il tuo verde in città scopri le proposte del nostro shop

Print Friendly

Luca Masotto By


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *