02 70103290
info@greenservice.it
urban-569097_1280

GIARDINAGGIO

Le piante giuste per un terrazzo country

11 Giu , 2018  

Da sempre chi vive in città conserva un’idea bucolica e romantica del giardino di campagna. Non è necessario avventurarsi nel pendolarismo quotidiano per godere degli spazi aperti in stile country. Con la giusta scelta vegetale e di materiali è infatti possibile ricreare “scenografie” quasi rurali anche nei più moderni terrazzi di città.

Utilizzare lo spazio al meglio

Il limite principale da affrontare è la carenza di spazio: di norma i giardini di campagna si sviluppano con una porzione più formale nei pressi dell’abitazione e assetti naturaliformi presso i confini della proprietà in modo da connettersi visivamente con la natura e il paesaggio circostanti. In un terrazzo di città, per quanto grande, sarà difficile ricreare le svariate ambientazioni a meno di ricorrere a stratagemmi per “dilatare” lo spazio disponibile.

Uno dei trucchi più efficaci è quello di segmentare il terrazzo (o il giardino) ricavando precise aree funzionali: per esempio, per il pranzo, per il relax e per il gioco. Nella zona più vicina all’accesso all’abitazione si userà uno stile relativamente formale, con geometrie regolari e piante relativamente ordinate. Nelle aree più lontane, invece, le forme diventeranno più morbide e curvilinee al fine di riportare alla mente esperienza rurali e naturali. Per questo motivo, la scelta della vegetazione non deve ricadere su specie e varietà con architettura ben definita, bensì si dovranno privilegiare assetti lussureggianti con più piani sovrapposti: specie di piccola dimensione si dovranno accompagnare e compenetrare con specie più sviluppate, senza dimenticare una giusta quantità di piante da bulbo e rizoma.

Piante per il terrazzo country

Una scelta di sicuro successo è costituita da vegetazione in grado di ondeggiare al minimo alito di vento: si pensi alle numerose graminacee disponibili sul mercato quali Pennisetum o Calamagostis, leggeri ciuffi di foglie in continuo movimento. Sono piante che si possono accostare con ottimi risultati a piante da fiore altrettanto leggere come la Verbena bonariensis o la Gaura lindheimeri o, ancora, il Penstemon, allegra e colorata campanella estiva. Qua e là si possono inserire bulbi di grande taglia come il magnifico Allium giganteum o perenni briose come le Crocosmia in grado di dare movimento sia con le foglie sciabolate sia con gli insoliti fiori sgargianti. A queste si possono anche associare piante più tradizionali e conosciute come la lavanda e le margheritone estive (Rudbeckia e Echinacea). Negli spazi rimasti è possibile inserire qualche tappezzante come un Geranium perenne o, perché no, qualche piantina di profumatissimo Thymus serpyllum, ottimo anche in cucina.

Print Friendly

Luca Masotto By


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *