02 70103290
info@greenservice.it
salad-182790_1280

ORTO IN TERRAZZO

I lavori dell’orto di Ottobre

8 Ott , 2018  

Possiamo riporre il cesto delle grandi raccolte all’interno del ricovero attrezzi del nostro orto. In ottobre rimangono ben pochi frutti, su piante ormai a fine ciclo. Anche se al nord possiamo trovare gli ultimi eroici pomodorini e, forse, qualche melanzana particolarmente tardiva, ormai il più è fatto. Gli ortaggi invernali devono ancora maturare e così all’appassionato non resta altro da fare che iniziare a seminare le piante più adatte alla stagione invernale.

Le operazioni da fare a Ottobre nell’orto

È tempo di prendere la vanga e lavorare a fondo il terreno avendo l’accortezza di incorporare un po’ di sostanza organica. La tradizione prevede di apportare letame – pratica ottima – purché provenga da un agricoltore di fiducia e sia ben maturo ma, nelle città, è preferibile ricorrere ad altri metodi anche per evitare “odorosi” problemi di vicinato. Il principe della sostanza organica di città è sicuramente il compost: acquistato dal vivaista o autoprodotto è un vero toccasana per il terreno. Incorporare compost nel terreno significa migliorarne sia le caratteristiche chimiche, perché si apportano nutrienti, sia le caratteristiche fisiche perché migliora la struttura e, con essa, gli scambi gassosi e il drenaggio dell’acqua in eccesso.

Quali ortaggi seminare a Ottobre

A seconda dell’area dove viviamo, ottobre è il mese ideale per seminare lattughe, prezzemolo, ravanelli e fave, ma anche le carote, a patto di disporre di un terreno sufficientemente leggero.  E se vogliamo sognare un pezzetto d’estate a base di piadina e squacquerone, possiamo anche seminare un quadratino di rucola. In ottobre è anche il momento di trapiantare l’aglio e la cipolla, avendo particolare cura di scegliere una zona dell’orto priva di ristagni idrici.

Quali piante da frutto innestare a Ottobre

Sempre più spesso l’orto comprende anche piante da frutto. Grazie all’introduzione di particolari portainnesti, è possibile mettere a dimora albicocchi, peschi e meli anche negli orti più piccoli ed eventualmente su balconi e terrazzi. A ottobre le temperature sono perfette per la messa a dimora degli alberi; aspettare oltre sarebbe un rischio: il gelo potrebbe sorprenderci rendendo il terreno difficile da lavorare e compromettendo l’attecchimento delle piante.

Gli accorgimenti per l’impianto di irrigazione

Il gelo è un grande nemico anche dell’impianto di irrigazione: l’acqua ghiacciando aumenta di volume e può arrecare danno alle tubazioni. A fine mese è bene svuotare tubi e ali gocciolanti, soprattutto se non sono interrate. I microirrigatori andranno lasciati aperti per consentire all’eventuale acqua presente al loro interno di espandersi e fuoriuscire. Se disponiamo di un programmatore a batteria è bene rimuovere le pile e conservarle al riparo per evitare che si scarichino inutilmente.

Il tunnel per proteggere dal freddo

Se ancora non siamo sicuri di essere pronti ad affrontare la stagione fredda, possiamo montare il tunnel: archetti metallici e telo plastico per proteggere gli ortaggi dalle temperature pungenti. È importante verificare l’integrità dei teli e, in caso di buchi o strappi, procedere a rattopparli con l’aiuto di nastro adesivo ad alta tenuta dopo averne pulito accuratamente la superficie.

A questo punto l’orto dovrebbe apparire in ordine. Ancora qualche colpo di zappa per rimuovere le infestanti e per favorire l’infiltrazione dell’acqua piovana e per quest’anno il gioco è… quasi fatto: sì perché in inverno, nonostante le apparenze, le braccia e soprattutto la mente dell’orticoltore non potranno andare in letargo!

Print Friendly

Luca Masotto By


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *